• it
    • en
    • fr
    • es
    • pt-pt
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Apriamo le nostre porte, contro la povertà educativa dei minori

CIES Onlus

05 Giugno 2019

Nessun commento

Apriamo le nostre porte, contro la povertà educativa dei minori

Articolo originariamente pubblicato su PERCORSI CON I BAMBINI

Cultura, bellezza e apprendimento attraverso l’ArtEducazione. Sono le parole chiave del progetto DOORS che vuole parlare ai minori in situazione di vulnerabilità economica e socio-culturale.

 

E per questo partiamo da Roma l’8 giugno usando il linguaggio dei giovani: il rap e presentiamo il progetto insieme a Luca Mascini – “Militant – A” degli Assalti Frontali – e Joel Penaherrera giovane rapper e peer tutor di MaTeMù.

 

L’appuntamento è all’I.C.”Simonetta Salacone” – Via Francesco Ferraironi, 38 (V Municipio -zona Casilino -Villa De Sanctis) a partire dalle ore 10.

 

Questo è il programma della giornata:

  • 10.30-11.00 Luca Mascini, Come nasce un rap: incontro/laboratorio con studenti, insegnanti e genitori
  • 11.00-11:15 Luca Mascini con Joel Penaherrera raccontano in rap la loro esperienza
  • 11:15-12.00 il progetto “DOORS-porte aperte al Desiderio come OppOrtunità di Rigenerazione Sociale”

 

Interverranno:

  • Preside I.C. Simonetta Salacone
  • Simona Rotondi, Fondazione Con i Bambini, Bando Nuove Generazioni
  • Elisabetta Melandri (Presidente CIES Onlus), Il progetto DOORS
  • Rocco Fava (Progetto Axé Italia Onlus), L’ArtEducazione e la Pedagogia del Desiderio

E queste sono le storie di Joel e Luca:

Joel Penaherrera

JOEL PENAHERRERA (giovane rapper e peer educator di MaTeMù)

Joel è uno dei primi ragazzi entrati a MaTeMù… Siamo nel 2010 più o meno.
Già lavora e studia ma sostiene che la scuola non sia il suo forte. La contrattazione con gli insegnanti delle attività artistiche verte sempre sulla richiesta, in cambio, di andare a scuola. La contropartita è registrare i suoi pezzi, perché la passione di Joel è il rap.
La prima volta che sale sul palco è con il nostro primo spettacolo, ALTROVE, e, oltre rappare, il nostro regista gli propone un pezzo recitato. Lì scopriamo l’intensità e la forza della voce di Joel.
Da quella volta, sul palco dell’Ambra Jovinelli davanti a ottocento persone, Joel ha fatto tanta strada e oggi fa il peer educator a MaTeMù. L’ambito in cui lavora è proprio il laboratorio di rap ed è una delle nostre migliori storie.

Militant A - Luca Mascini

LUCA MASCINI (MILITANT A degli Assalti Frontali, storica band romana)

La mia vita con il rap continua.
È un grande laboratorio che non finisce e racconta di me e dei sogni e le vite che incontro nel cammino.
Tutti abbiamo diritto di esprimerci nella vita ma non sempre ci riusciamo. Farlo attraverso un verso è una gioia. Godere di questa bellezza è una risorsa.
Nelle strade il linguaggio sembra declinare verso l’insulto e la guerra. Nelle scuole i programmi sono astratti e lontani, e gli studenti faticano a farli propri, li considerano inutili. Tirare fuori il proprio vissuto invece è importante. Tanti ragazzi sembrano avere il vuoto dentro ma non è detto che ce l’abbiano, anzi. Sembrano stereotipati nei pensieri, aridi, ma poi scopri che hanno un mondo dentro che aspetta solo di venire fuori.
Quello che ognuno vive ha valore.
Sentirsi “stelle”, sentire che il proprio territorio vale: questo è lo scopo dei miei laboratori rap.

Tags :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading...