Generic selectors
Exact matches only
Exact matches only
Search in title
Search in title
Search in content
Search in content
Search in excerpt
Post Type Selectors
Hidden
Hidden
Hidden
Hidden

Formazione in Senegal: mediazione sociale e interculturale

CIES Onlus

15 November 2018

No Comments

La formazione è una delle attività principali previste dal progetto PONTI: Inclusione sociale ed economica, giovani e donne, innovazione e diaspore“, finanziato dal Ministero dell’Interno. L’obiettivo generale del progetto è contribuire a contrastare le cause profonde delle migrazioni in Senegal ed Etiopia, attraverso la promozione dell’occupazione delle donne e delle giovani generazioni e la valorizzazione del ruolo delle diaspore nella promozione dello sviluppo nei Paesi d’origine.

 

Dal 5 al 9 novembre in Senegal a Dakar, 15 operatori e rappresentanti delle società civili e delle istituzioni locali (REMIDEV- Reseau pour la migration et le developpement, AJS Association des Juristes Senegalaisés, COFLEC-Collectif des donnes in Lutte Contre l’Emigration Clandestine,CARITAS – P.A.R.I. Point d’Accueil pour Réfugies et Immigres, ARD Agence régionale de développement, DGSE-Direction Générale des Sénégalais de l’Extérieur, CCIA-Chambre de Commerce, d’Industrie et d’Agriculture, SGCM. Système de gestion de la Circulation Maritime) sono stati impegnati nella formazione dal titolo “Mediazione sociale e interculturale: Acquisizione di competenze per favorire / rafforzare i servizi e il dialogo attraverso la mediazione sociale e interculturale e il processo di integrazione e reintegrazione”, tenuta dagli esperti internazionali in mediazione interculturale Lahcen Aalla e Diouf El Hadji Sadiaraw dell’Associazione Multietnica dei Mediatori A.M.M.I. di Torino.

 

La formazione si è posta come obiettivo principale di fornire agli operatori coinvolti competenze, contenuti, metodologie e strumenti tecnici per la mediazione sociale e interculturale per facilitare l’inclusione dei giovani, i rimpatriati e per migliorare i servizi dove operano giornalmente.

 

Il ricco programma formativo è stato caratterizzato da un approccio partecipativo e un lavoro di rete che ha coinvolto attivamente i partecipanti in tavoli di discussioni, lavori di gruppo, e dibattiti su temi come: La mediazione sociale e interculturale come strumento di integrazione a diversi livelli: per gruppi di minoranze, gruppi vulnerabili e migranti di ritorno, identità e cultura dal punto di vista antropologico, gestione e mediazione dei conflitti e la comunicazione.

 

Oltre agli esperti internazionali, durante la formazione i partecipanti hanno beneficiato anche dell’assistenza tecnica dell’esperto locale Mambaye Diop.

Tags :

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading...