• it
    • en
    • fr
    • es
    • pt-pt
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Il gioco nella formazione: tracce di educazione attiva

CIES Onlus

Nessun commento

Il gioco nella formazione: tracce di educazione attiva

Trovo che spiegare a livello teorico l’educazione attiva sia un controsenso, voglio dire, fare una lezione frontale di un’ora sull’educazione attiva sarebbe come pretendere di mostrare il teatro spiegando uno spettacolo o insegnare come si suona uno strumento raccontandolo. Anche volendo risulterebbe di una noia mortale.

 

Del resto l’educazione attiva è proprio l’approccio che cerca di immergere nell’esperienza la persona che decide di affrontare una materia, un argomento, una storia, per renderla così più viva e interessante.

 

Trovo che nella formazione dedicata a educatori e operatori l’uso del gioco sia uno strumento valido per sperimentare l’educazione attiva sulle relazioni e sul senso di sé.

 

Giocando ci immergiamo profondamente nell’azione rispondendo agli stimoli senza troppa razionalità, ci imbarazziamo o ci sentiamo bene senza avere il tempo di filtrare le emozioni.

 

Poi a mente fredda possiamo riflettere insieme, o intimamente, sulle nostre reazioni: cosa è accaduto quando le nostre sovrastrutture sono crollate, i ruoli sociali sono saltati e il divertimento e la competizione hanno preso il sopravvento sull’autocontrollo?

 

In un contesto di formazione osservare sé stessi, gli altri, il gruppo e poi parlarne e discuterne, crea consapevolezza. Una volta usciti dal pregiudizio che si tratti solo di “giochi” e accolta l’idea che nel gioco si vive o si muore, si vince o si perde, si rispetta la regola o si bara spudoratamente, si accolgono tracce che sedimentano e fanno recuperare osservazioni irrazionali che difficilmente avremmo fatto senza vivere l’esperienza sul nostro corpo.

 

In pratica l’educazione attiva è un approccio all’esperienza: scegliere di viverla anziché parlarne.

 

Lapo Vannini
Insegnante di italiano L2 a MaTeMù

Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading...