Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

MATEMÙ LIVE il 25 giugno alla Casa del Jazz!

CIES Onlus

18 juin 2024

Aucun commentaire

MATEMUSIK BAND&CREW LIVE ALLA CASA DEL JAZZ

 

LA MUSICA DI TUTTO IL MONDO IN UNA BAND ROMANA

 

30 giovani sul palco per un mix unico di rap, funky e jazz

 

Martedì 25 giugno 2024, ore 21.00
Casa del Jazz, Viale di Porta Ardeatina 55, Roma

 

Reduce da una tournée ai Caraibi, con 30 musicisti, rapper e breakdancer provenienti da ogni angolo del mondo e quartiere (Afghanistan, Tor Bella Monaca, Perù, Senegal, Tuscolano, Madagascar, Parioli, Somalia, Prati, Egitto, Colombia, Centocelle, Venezuela…), la giovane band romana torna a esibirsi gratuitamente all’interno della prestigiosissima cornice della Casa del Jazz.

Un mix irresistibile di rap, jazz, funk, hip hop e soul con featuring di eccezione come Simone Alessandrini, sassofonista, leader del quintetto Storytellers e la partecipazione speciale di Gioia Salvatori, attrice, autrice e drammaturga.

 

La MaTeMusik Band & Crew è un gruppo musicale composto da oltre 40 ragazze/i, che nasce dentro MaTeMù, il Centro Giovani e Scuola d’Arte del Municipio Roma I, creato e gestito dal CIES Onlus dal 2010: un incredibile crocevia di creatività, arte ed energia, un laboratorio di inclusione frequentato da centinaia di ragazze e ragazzi ogni anno.

 

→ SCOPRI QUI TUTTE LE INFO E GLI OSPITI

 

→ LA PAGINA DELLA CASA DEL JAZZ DEDICATA ALL’EVENTO

 

 

“In tempi di muri, discriminazioni e carichi residuali noi cantiamo e suoniamo sogni”

 

Da MaTeMù passano giovani di tutte le culture e le provenienze. Possono studiare musica, teatro, hip hop e molte altre discipline, ricevere sostegno nello studio o nell’apprendimento della lingua italiana e supporto psicologico, e svolgere attività artistiche e creative in modo totalmente gratuito.

 

Uno dei prodotti più noti nel panorama musicale e artistico romano usciti da MaTeMù è la MaTeMusik Band&Crew che dopo una tournée sull’isola caraibica di Saint Barth, torna a esibirsi a Roma nell’esclusiva location della Casa del Jazz. Il valore aggiunto di questa giovane band è la formazione ricevuta all’interno di un centro aperto a tutti, che offre arte con insegnanti di alto livello a titolo gratuito e punta a costruire una visione di società in cui, come recita una citazione cara a chi accoglie e frequenta MaTeMù, “diverso non vuol dire mai diviso”. Partendo dal presupposto che l’arte sia un diritto e non un privilegio, il centro del Cies, nel cuore del quartiere Esquilino, promuove opportunità di incontri quotidiani che diano la possibilità di fruire di cultura, musica, danza, teatro a tutte e tutti, dal ragazzo proveniente dal centro di Roma, fino al minore straniero non accompagnato, dalla ragazza arriva dall’estrema periferia fino a chi sperimenta isolamento e disagio adolescenziale.

 

«Siamo contenti ed emozionati per la serata che ci attende il 25 Giugno – afferma Adriano Rossi, coordinatore di MaTeMù – sia per la possibilità che abbiamo con i ragazzi e le ragazze di esibirci in un palco così importante con la formazione al completo, ma anche perché questo concerto vedrà il debutto sul palco di alcunə giovani con la MaTeMusik Band, in un’esperienza peer-to-peer con gli altri componenti più “anziani” della band. Non vediamo l’ora di offrire al pubblico della Casa del Jazz la nostra bellezza e la nostra carica!»

 

La MaTeMusik Band&Crew nasce nel 2010 e negli anni si è arricchita di nuovi talenti tutti formatisi a MaTeMù. Si è esibita in concerti (Angelo Mai, Festa della Musica, Piazza Vittorio, Teatro India) e spettacoli teatrali (Ambra Jovinelli, Vascello, Teatro di Villa Torlonia, Centrale Preneste, Teatro del Lido).
Nel 2022 ha pubblicato il suo primo album, “COME TE”.

 

“Siamo una generazione senza confini o etichette. E abbiamo una certa idea di mondo: un mondo dove diverso non è mai diviso”

 

A impreziosire la serata, la partecipazione straordinaria di:

Gioia Salvatori, attrice, autrice e drammaturga, nel 2012 ha dato vita al blog Cuoro, poi diventato uno spettacolo.

Simone Alessandrini, sassofonista e compositore, leader del quintetto Storytellers.

 

Con il centro MaTeMù, il CIES – spiega Elisabetta Melandri presidente della Onlus – propone un progetto in cui attraverso la condivisione di uno spazio comune i ragazzi e le ragazze possano sentire di appartenere a una comunità fondata su valori della solidarietà e della bellezza del dialogo fra le differenze. Un modello che portiamo avanti da quasi 15 anni con l’ambizione di riuscire a replicare anche in altri contesti”.

 

INGRESSO LIBERO

 

 

COS’È MATEMÙ

MaTeMù è il Centro Giovani e Scuola d’Arte del Municipio Roma I, creato e gestito dal CIES Onlus dal 2010.
È un punto di incontro, di crescita artistica e culturale, di ascolto, aiuto, orientamento e divertimento.
È un incredibile incrocio di idee e futuri possibili.
È un luogo in cui ragazze e ragazzi di tutte le culture e provenienze possono esprimere la propria creatività, vivere in modo diverso il tempo libero, trovare ascolto e sostegno.
È un posto dove tutte le differenze sono viste come valori e stimoli per esplorare nuove possibilità.
È un laboratorio di idee e iniziative, dove godere di spazi liberi per stare insieme e dar vita ad attività espressive, ludiche, di supporto scolastico, di aiuto nei momenti di difficoltà.

MaTeMù è completamente gratuito, organizza attività rivolte ad adolescenti e giovani, ma è anche uno spazio dove associazioni, singoli abitanti che vivono il quartiere da “cittadini attivi”, o artisti, possono trovare un punto di riferimento per incontrarsi e lavorare con e per i ragazzi o per la città.

Nel corso degli anni, MaTeMù è stato frequentato da ragazzi e ragazze provenienti da 70 paesi differenti. Ogni giorno ospita in media oltre 30 ragazze/i, con punte di 60 al giorno. Più di 10.000 gli utenti attivi nei 14 anni di vita del Centro.

 

Ufficio stampa CIES: Luca Attanasio +39 3397751996; [email protected]

 

SCOPRI “COME TE”, IL PRIMO DISCO DELLA MATEMUSIK BAND & CREW: https://www.cies.it/come-te-il-primo-album-della…/

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading...