Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

InCOME

Favorire l’inserimento nel tessuto sociale e produttivo dei cittadini dei Paesi terzi, promuovendo pari opportunità di accesso ai servizi e ai prodotti finanziari

Progetto co-finanziato dall'Unione Europea

FONDO ASILO, MIGRAZIONE E INTEGRAZIONE (FAMI) 2014-2020

O.S. 2 “Integrazione / Migrazione legale” - Obiettivo nazionale ON 3 - “Capacity building” - “Promozione di Interventi
di Inclusione sociale ed economica di Cittadini dei Paesi terzi sviluppati in Italia e in altri Stati Membri”

Il progetto InCOME: Inclusione, Cittadinanza economica e nuove Opportunità di integrazione dei Migranti tramite l’Educazione finanziaria nasce dall’incontro di Movimento Consumatori, CIES Onlus e Dedalus Cooperativa Sociale, impegnate da anni sul territorio a promuovere pari opportunità e tutela dei diritti. E’ un progetto Mediazione di Sistema sul tema dell’inclusione finanziaria e che si svolge in tre città italiane, Torino, Roma e Napoli e in collegamento con il partner greco EKEE - Union of Working Consumers of Greece.

Il progetto, avviato a settembre 2018, ha l’obiettivo di favorire la conoscenza sul tema dell’inclusione finanziaria e della cittadinanza economica, tema strategico ma meno agito nell’ambito dell’immigrazione. Essere capaci e competenti di progettare la propria vita finalizzandola al benessere[1]: questo uno dei principi della cittadinanza economica promosso dal progetto e concetto significativo in una realtà mondiale in cui 1 persona su 30 è un migrante (272 milioni di persone al mondo), per la maggior parte un migrante economico e originario del Sud del mondo[2].

 

Attività

  • Ricerca valutativa finalizzata a costruire, verificare e validare in corso d’opera le attività implementate e ad esplorare per singolo territorio le problematiche di ambito finanziario delle comunità immigrate oggetto del servizio
  • Percorsi di formazione interattivi per mediatori interculturali e operatori dell’ambito finanziario
  • Sportelli di Servizio sperimentali finalizzati ad orientare e supportare i cittadini immigrati e favorire l’inclusione e l’educazione finanziaria
  • Elaborazione di un Modello di intervento di inclusione finanziaria per cittadini immigrati innovativo e replicabile in altri contesti e territori
  • Scambi di buone pratiche a livello nazionale e europeo a Torino, Roma, Napoli ed in collegamento al partner europeo EKEE- Union of Working Consumers of Greece.
  • Manuale di Buone pratiche ad uso di operatori e mediatori e eventi pubblici di disseminazione

 

A partire da ottobre 2018 e fino a dicembre 2019 è stato svolta l’indagine esplorativa iniziale che ha avuto l’obiettivo di indagare dinamiche e necessità delle maggiori comunità per ogni territorio e che, nella metodologia di progetto, è stata propedeutica alla costruzione dei Moduli formativi e all’avvio della Ricerca valutativa. La ricerca valutativa è finalizzata ad indagare dinamiche e necessità delle maggiori comunità per ogni territorio e a identificare un Modello di intervento di inclusione finanziaria.

 

Nella fase di indagine iniziale sono stati svolti n. 3 focus group con mediatori interculturali nelle 3 città campione dell’intervento: hanno partecipato circa 20 mediatori per ogni focus per un totale di 18 diverse nazionalità. I mediatori sono stati coinvolti nell’attività in quanto osservatori e testimoni privilegiati delle proprie comunità di appartenenza. Nei focus sono state indagate abitudini, fabbisogni, problematiche e difficoltà in materia di inclusione finanziaria delle comunità per indirizzare puntualmente le attività di Formazione e di Servizio Sperimentale.

 

E’ stata inoltre svolta un’indagine desk e interviste con stakeholder di ambito finanziario.

 

Tra giugno e dicembre 2019 si sono svolti i corsi di Formazione livello Base: 6 corsi della durata di 20 ore, 2 per ogni città, a cui hanno partecipato operatori di Movimento Consumatori e Mediatori interculturali di CIES Onlus e Dedalus cooperativa sociale. La metodologia utilizzata interattiva ed esperienziale e finalizzata allo scambio di competenze tra mediatori e operatori.

 

I corsi sono stati propedeutici all’avvio del Servizi Sperimentali – Sportelli di Inclusione finanziaria, attivi dal mese di dicembre 2019. Sono sportelli altamente innovativi che inseriscono il dispositivo della mediazione interculturale in un ambito quasi per nulla sperimentato e con l’obiettivo di supportare i cittadini immigrati nelle scelte finanziarie e favorirne l’inclusione. Nella fase di ricerca valutativa, ad esito dell’indagine iniziale, è stata costruita una matrice dati finalizzata a mappare, tramite il Servizio, le più importanti questioni relative all’inclusione finanziaria dei migranti.

 

All’interno degli Sportelli sono presenti équipe composte da operatori di Movimento Consumatori (consulenti legali o esperti di diritti dei consumatori) e Mediatori Interculturali che offrono, gratuitamente, un servizio di informazione e orientamento finalizzato a:

- acquisire informazioni prima di sottoscrivere un conto corrente o un altro servizio bancario

- reperire aggiornamenti su agevolazioni economiche in grado di migliorare la vita

- orientarsi prima di accedere ad un prodotto di credito

- prevenire, informandosi, il fenomeno del sovraindebitamento

- imparare a gestire il proprio budget familiare

- conoscere i propri diritti e attivarsi se non vengono riconosciuti.

 

Servizio di sportello da remoto

Nel periodo di lockdown, per dare continuità al servizio e sostenere alcune richieste pervenute per le possibilità economiche offerta dal Decreto Cura Italia, è stato attivato un servizio di sportello da remoto. Il servizio, vista la valenza acquisita e l’impossibilità di previsioni chiare in merito alla prosecuzione dello stato di emergenza sanitaria, ha acquisito carattere di stabilità. Per ogni sede di progetto (Torino, Roma e Napoli), è attualmente attivo un servizio in presenza e uno da remoto.

Per verificare gli Sportelli attualmente attivi clicca qui.

 

Altre attività in programma e in fase di implementazione

 

Corsi di Formazione Avanzata

Questa fase formativa segue i corsi base ed è stata attivata con gli incontri di formazione sul campo, gli “on the job”. Il calendario in presenza era stato pianificato ma l’emergenza sanitaria non ha reso possibile svolgere incontri in presenza. In virtù di questo il gruppo di lavoro del progetto ha lavorato alla costruzione del corso formativo avanzato in modalità da remoto, a brevissimo attivo. Nell’idea di poter valorizzare quanto già svolto e rendere disponibile un pacchetto formativo completo anche nella modalità da remoto, è stato costruito in questa modalità anche il modulo formativo di livello Base.

I corsi di livello avanzato sono focalizzati su un set di strumenti creditizi e sull’impatto economico di servizi come casa, salute, fisco. In linea con la sperimentalità dell’intervento, le tematiche trattata nel corso sono emerse dalla fase di indagine iniziale e sulla base delle necessità emerse in fase di sportello.

A breve sarà pubblicato il calendario e il programma formativo.

 

Servizio di prossimità

Il servizio di prossimità è collegato all’attività di Sportello. L’esperienza svolta e maturata durante il progetto ha fatto emergere l’idea di sperimentare uno specifico servizio di prossimità nella volontà di diffondere quanto più i temi legati all’educazione finanziaria. Con la prossimità si propongono interventi di formativi/informativi per gruppi di utenti su tematiche specifiche in luoghi informali. Il Servizio è stato reso disponibile anche nella modalità online. Per maggior informazioni clicca qui.

 

Scambio di buone prassi

E’ previsa una fase di Scambio buone pratiche tra gli addetti ai lavori del progetto e gli stakeholder dei territori coinvolti. Anche in questo caso l’emergenza COVID-19 ha imposto la modifica di quanto già programmato e la rivisitazione delle modalità di svolgimento dell’ attività da presenza a remoto in virtù della non prevedibilità della prosecuzione dell’emergenza sanitaria. Negli incontri saranno condivise ed analizzate le problematiche in tema di inclusione finanziaria dei migranti emerse in corso d’opera e le pratiche messe in atto col progetto al fine di una più partecipata definizione del Modello di intervento di inclusione finanziaria. Il partner greco EKEE - Union of Working Consumers of Greece verificherà l’applicabilità del Modello in sperimentazione all’interno del proprio contesto nazionale.

 

Identificazione del Modello e disseminazione

La fase conclusiva del progetto è dedicata a valutare l’impatto delle attività messe in campo nei termini di inclusione finanziaria e cittadinanza economica e dei modus operandi di intervento.

 

Comitato tecnico-scientifico

Le attività del progetto sono supervisionate da un Comitato composto da esperti di rilievo nazionale sul tema (Cespi - Centro Studi di Politica Internazionale/Osservatorio Nazionale sull’inclusione finanziaria dei migranti; Feduf – Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio; Fondazione Finanza Etica; Università di Roma Tor Vergata Roma – Dipartimento di Economia e Finanza; Università degli studi di Napoli Federico II – Dipartimento di Scienze Sociali; Human Foundation). E’ stato recentemente svolto in modalità da remoto (20 luglio) il secondo incontro con il Comitato che ha avuto l’obiettivo di rappresentare lo stato dell’arte del progetto e i risultati ottenuti, in particolare la ricerca valutativa, la fase formativa e quella di servizio. Il primo incontro col Comitato era sto svolto in fase di avvio di ricerca valutativa (novembre 2018).

 

Rete di aderenti al progetto

Aderente estero: EKEE - Union of Working Consumers of Greece

Aderenti nazionali: Cespi - Centro Studi di Politica Internazionale – Osservatorio Nazionale sull’inclusione finanziaria dei migranti, Feduf – Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio, AMMI Associazione Multietnica dei Mediatori Interculturali – Torino, Associazione dei senegalesi Napoli, Comune di Napoli, Fondazione Finanza Etica, I Municipio di Roma, Programma Integra Roma, Regione Piemonte, Scuole Migranti Roma, Università di Roma Tor Vergata Roma – Dipartimento di Economia e Finanza, Università degli studi di Napoli Federico II – Dipartimento di Scienze Sociali.

[1] Parricchi M., Educare alla cittadinanza economica, percorsi per una pedagogia del benessere http://www.metisjournal.it/metis/anno-v-numero-1-062015-leducazione-ai-tempi-della-crisi/128-saggi/687-educare-alla-cittadinanza-economica-percorsi-per-una-pedagogia-del-benessere.html

[2] Dossier Statistico Immigrazione 2018 – Centro Studi e Ricerche IDOS

NEWS

Selezione del personale – Progetto InCOME

Selezione del personale – Progetto InCOME

In relazione al progetto InCOME, il CIES Onlus sta selezionando le seguenti figure:

SELEZIONE MEDIATORI INTERCULTURALI - Errata corrige: il compenso previsto sarà di euro 160,00 anziché 140,00 lordi in quanto modificato l’inquadramento contrattuale in prestazione occasionale.

 

Cliccando sul nome della posizione per la quale ci si vuole candidare, si può leggere la descrizione completa della vacancy.

 

Per inviare la propria candidatura, basta compilare il modulo sottostante in ogni suo campo.

SELEZIONI CHIUSE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading...